Coating

Rivestimento superficiale che non lascia nulla al caso

Coating

Protezione anticorrosione

Rivestimenti superficiali galvanizzati funzionali o decorativi? Rivestimento in zinco lamellare? Da noi tutto è possibile.

La lavorazione superficiale funzionale migliora la resistenza delle superfici di un componente a corrosione o usura, o serve a migliorarne la conduttività elettrica o a ridurre le forze di attrito.

La nostra gamma di servizi include, ad esempio, le lavorazioni seguenti:

  • Fosfatazione: fosfatazione allo zinco o al manganese per garantire una migliore adesione dei rivestimenti successivi o per migliorare le proprietà di scorrimento
  • Zincatura: trattamenti di zinco cromati o passivati privi di CrVI per ottenere una protezione contro la corrosione termostabile, esteticamente gradevole ed economica.
  • Deposizione di zinco su ferro: trattamenti di zinco cromati neri o passivati neri privi di CrVI per ottenere una protezione contro la corrosione esteticamente gradevole ed economica con strati di spessore uniforme.
  • Rivestimento di zinco-nichel: componenti passivati privi di CrVI o lubrificati o sigillati con strati di spessore uniforme e massima protezione contro la corrosione.
  • Rivestimento di zinco lamellare: protezione contro la corrosione priva di CrVI con strati estremamente sottili e massima stabilità alla corrosione e alle temperature, costituita da una miscela di basi di alluminio incollate con finiture di zinco in una matrice inorganica, adatta anche per elementi di raccordo ad alta resistenza con classi di resistenza 10.9 e 12.9.

Altre opzioni di trattamento superficiale

  • KTL
  • Delta Tone, Delta Seal
  • Fosfatazione
  • Geomet
  • Delta
  • MAGNI

Bloccaggio delle viti

Gli accoppiamenti a vite caricati dinamicamente tendono ad allentarsi autonomamente. Se si interrompe la forza di attrito tra la testa e la superficie di appoggio e nel filetto, si può utilizzare un rivestimento adatto a risolvere il problema.

Se le misure di progettazione non sono più sufficienti per mantenere la forza di precompressione, raccomandiamo di utilizzare i rivestimenti applicati da noi a spot o a 360° che bloccano l'allentamento della filettatura. I nostri consulenti tecnici sono a disposizione per aiutarvi a fare la scelta giusta.

La gamma di servizi offerti comprende i seguenti rivestimenti frenafiletto:

  • Adesivi frenafiletti: secondo DIN 267, parte 27, che impediscono l'allentamento autonomo degli accoppiamenti a vite mediante l'uso di adesivi microincapsulati. Questi adesivi creano un accoppiamento di materiali tra bullone e filettatura del dado a seguito di polimerizzazione durante il serraggio, le cui coppie definite di allentamento degli elementi di accoppiamento contrastano l'auto allentamento.
  • Bloccaggi per prevenire la perdita: secondo DIN 267, parte 28, non impediscono l'allentamento parziale degli accoppiamenti a vite, ma evitano la perdita degli elementi di accoppiamento. I rivestimenti più adatti, realizzati in poliammide, aumentano la pressione superficiale o l'attrito sui fianchi della filettatura ottenendo così un effetto di bloccaggio.

I rivestimenti superficiali frenafiletto presentano i seguenti vantaggi:

  • rendono superflua la gestione, il montaggio e la gestione di magazzino di ulteriori elementi di bloccaggio meccanico, quali dadi o rondelle.
  • rivestimenti applicati con processi riproducibili, che garantiscono il montaggio semplice e sicuro e una sicurezza di processo certa.
  • I rivestimenti superficiali frenafiletto sono altamente resistenti agli oli, ai grassi e ad altri agenti chimici.
  • Il rivestimento superficiale pronto all'uso è asciutto e antiscivolo, e una componente di accoppiamento che non si può perdere.

Trattamento termico

Al fine di aumentare la resistenza meccanica attraverso modifiche e trasformazioni mirate della struttura del materiale, organizziamo il trattamento termico conforme agli standard presso i nostri partner.

Un trattamento termico comunemente usato per i componenti in acciaio è l'indurimento dopo la lavorazione meccanica al fine di adeguare le proprietà del materiale ai vari tipi di applicazione. L'indurimento è un trattamento termico dell'acciaio nel quale l'acciaio viene riscaldato fino alla temperatura di austenizzazione e raffreddato molto velocemente assumendo la struttura di martensite (grado di tempra).

La temperatura di austenitizzazione e la velocità di raffreddamento dipendono dalla qualità degli acciai. L'obiettivo dell'indurimento è una microstruttura omogenea con carbonio in gran parte precipitato.

Di norma, all'indurimento segue un ulteriore trattamento termico, come la ricottura o la tempra. Siamo in grado di effettuare senza problemi anche altri trattamenti termici quali cementazione, brunitura, nitrurazione, carburazione, ricottura, ecc.


Finitura

Si può sempre progredire.

Il concetto di finitura si riferisce principalmente ai processi di lavorazione che vengono eseguiti per produrre pezzi di altissima qualità. La qualità può riferirsi al tipo o alla rugosità della superficie, nonché alla precisione dimensionale, vale a dire la deviazione tollerata ammissibile dalla dimensione finita.

La natura e l'obiettivo della finitura la rende spesso l'ultima fase di un processo produttivo articolato. Può trattarsi di una procedura identica a quella precedente, in condizioni però diverse, o completamente diversa.

Conosciamo bene sia i processi meccanici come la fresatura, la levigatura o lappatura, sia i processi chimici o elettrochimici come l'incisione o l'elettrolucidatura.


Rivestimenti plastici

Per la massima protezione contro la corrosione

MAX MOTHES ha una vasta esperienza nel settore dei rivestimenti industriali in plastica di elementi di accoppiamento e lavora a stretto contatto con grandi aziende specializzate nel settore. Questo assicura la consulenza mirata e la realizzazione della miglior soluzione possibile per ogni applicazione. Su richiesta sono anche possibili esecuzioni speciali e personalizzate. La moderna tecnologia di produzione insieme a team qualificati e motivati garantiscono una qualità costante anche su grandi lotti.

Gli elementi rivestiti in plastica trovano applicazione in ambienti aggressivi nel settore offshore, nell'industria petrolifera, del gas o petrolchimiche perché prevengono la corrosione e il grippaggio dell'acciaio. A seconda del pretrattamento, questi pezzi possono durare fino a 4.000 ore nel test di nebbia salina. L'offerta di opzioni di finitura spazia dal PTFE alla verniciatura a polvere come come Expoxy e Rilsan o rivestimenti in EFTE e PEEK®.

Gli elementi di accoppiamento rivestiti in plastica si distinguono per le seguenti proprietà:

  • Superficie antiadesiva
  • Buone proprietà di scorrimento
  • Basso coefficiente di attrito
  • Massima stabilità termica
  • Buone proprietà di separazione
  • Elevata resistenza all'usura
  • Eccellente protezione contro la corrosione

Colore

Viti in un colore speciale RAL? Elementi di accoppiamento nel design aziendale? Possiamo colorare le viti!

Effettuiamo la finitura superficiale degli elementi di accoppiamento con verniciatura a polvere, verniciatura a immersione catodica o con vernice, di pezzi singoli, piccole serie o grandi serie, con i colori RAL più comuni. Su richiesta sono disponibili anche colori speciali.

Vengono impiegate solo vernici a polvere di alta qualità a base di resine epossidiche poliestere o dipcoat catodici che garantiscono un rivestimento delle superfici metalliche e delle cavità con strati di spessore uniforme e ottime qualità superficiali.

Le parti così rivestite si distinguono per le seguenti caratteristiche:

  • Buona resistenza agli agenti chimici
  • Buona protezione contro la corrosione
  • Elevata durezza superficiale
  • Lavorazione semplice e sicura

Indietro al sommario